Tanto va la gatta al lardo….

PARTE 5
(segue) …Lei è stufa, vorrebbe dare un calcio a tutto, ma non ne ha il coraggio. Rimarrebbe sola, li avrebbe tutti contro. In questo paese arretrato, poi, dove una donna separata è peggio di un delinquente. Logico che in me veda una speranza. Sono l'unico che le dà ascolto, che non la minaccia, che non la fa sentire un "niente"… Mi fa una tenerezza… Ormai saltiamo anche il pranzo, pur di stare insieme in quell'ora di pausa dal mio lavoro. Un pomeriggio, pensando a lei, scrivo le parole postate qui sotto, che riporto anche per mio ricordo personale. Mi fa sentire bene, mi dà attenzioni, per lei sono importante… L'unica cosa che ancora mi frena è la mia bimba di quattro anni….
(continua)…
Tanto va la gatta al lardo….ultima modifica: 2005-02-23T23:04:05+01:00da coccolexchicco
Reposta per primo quest’articolo

7 pensieri su “Tanto va la gatta al lardo….

  1. neanche io volevo essere scorbutica….v olevo solo spiegarti che non ho chiesto un abbraccio…..e se ne ho ricevuti forse perche mi leggono da tanto e hanno sentito il bisogno di lasiarlo….io abbraccio loro anche se non lo chiedono….anc he se non lo scrivono….qua ndo capisco che forse un abbraccio li riscalderebbe in una “giornata fredda”…..no n ho avuto la fortuna di poter scegliere….si legge chiaramente nel mio blog dove piu’ volte l’ho raccontato….. .e a volte sai mi chiedo se…..ci sia qualcuno che veramente ha potuto scegliere come vivere la propria vita….e mi illudo che ci sia sempre una scelta una via d’uscita…… continuo a leggere la storia che stai raccontando…. .buona giornata e scusami tu…..Gilda

  2. … bella, fanno sognare queste parole… scusa la mia fretta e la mia assenza.. ma sono super incasinata con il lavoro, la linea di internet è rimasta bloccata per due giorni… e un problemino da risolvere… Se riesco passo dopo per cambio turno, cavolo … oggi ne avrei proprio bisogno.. sono cotta!!!! bacino Fra

  3. Me la caverò–Occhi che mi guardano dallo specchio osservano occhi a volte un po’ troppo severi scrutano per capire quanto c’è di diverso come se dalla faccia e dai capelli fosse semplice intuire se quello riflesso sono ancora io se ogni piccolo dettaglio su quel volto è proprio mio se ce la farò ogni giorno ad affrontare tutto quello che verrà tutto quello che verrà
    me la caverò proprio come ho sempre fatto con le gambe ammortizzando il botto poi mi rialzerò ammaccato non distrutto basterà una settimana a letto poi verrà da se ci sarà anche qualche sera in cui usciranno lacrime ci sarà che qualche sera in cui starò per cedere
    ma poi piano piano tutto passerà senza accorgermene tutto passerà
    il silenzio a volte è peggio del rumore che perlomeno copre il bruricare delle idee che di notte vengono che di notte affollano col loro brusio il cervello e lo martellano e fanno sembrar difficile anche ciò che non lo è
    e fanno sembrare enormi anche le cose minime
    me la caverò proprio come ho sempre fatto con le gambe mmortizzando il botto poi mi rialzerò ammaccato non distrutto basterà una settimana a letto poi verrà da se ci sarà anche qualche sera in cui usciranno lacrime
    ci sarà anche qualche sera in cui starò per cedere ma poi col tuo aiuto tutto passeràsenza accorgermene tutto passerà—Max Pezzali— L’ho ascoltata oggi nella pausa pranzo.. mi sei venuto in mente tu! Piccolo bacio .. Fra

  4. Eh, si, magari potessi farlo sul serio:)) Mi dispiace solo di aver perso alcuni post e soprattutto alcuni commenti:)) Va beh, vorrà dire che mi darò da fare con il taglia, copia e incolla:)) Il tuo sfondo è bellissimo sai? E anche la tua storia è appassionante.. .Un bacio come spuntino durante la pausa pranzo non è affatto male:)) Mi chiedi se sono guarita…Beh, diciamo che sto un pochino meglio,ma non sono ancora un fiorellino…:) ) Grazie del passaggio:)) Ari:))

Lascia un commento